Il Flamenco in Andalusia: Siviglia e Cordoba

La danza e la musica patrimonio immateriale dell’umanità.

Le origini del Flamenco si perdono nella memoria della Spagna. Il Flamenco nasce dalle influenze dalle popolazioni dei gitani, i mori e gli ebrei nella regione della Andalusia.

In musica esistono più di 50 generi di Flamenco detti “Palos” che hanno caratteristiche diverse, la cosa però che rimane più conosciuta quando si parla di Flamenco è la danza, riconosciuta patrimonio immateriale dell’UNESCO. Se volete vedere uno spettacolo di Flamenco autentico di solito si possono trovare nei “Tablao” , locali dove è possibile cenare o bere qualcosa.

Una danza e un genere di cui è difficile attribuirne un origine certa, a partire dal nome.

Le ipotesi sono moltissime:

  • Origine araba: “Felag Mengu” che significa in arabo contadino in fuga;
  • Oppure origine gitana: dalle Fiandre, flamenco che in spagnolo significa fiammingo
  • Che sia di originario dai suoi colori: flameante (ardente).

Tra le città dove è possibile scoprire i luoghi del Flamenco in Andalusia abbiamo Siviglia, la capitale.

Siviglia, la capitale della regione andalusa, tra le varie attrazioni da vedere risaltano, la Giralda con il suo campanile e il suo minareto, la cattedrale di Siviglia una delle più grandi della Spagna.

Chi visita la spagna del sud deve per forza visitare i suoi famosi Alcazar, i palazzi reali con i loro giardini interni. Gli Alcazar sono meravigliosi da visitare, nella fattispecie quello di Siviglia.

È possibile visitare a Siviglia anche una delle culle del Flamenco, il rione Triana, vicino alle sponde del fiume Guadalquivir, chiamato storicamente “Il lato sbagliato”, uno dei quartieri più poveri di Siviglia, inoltre quello che è stato popolato dai gitani per molti anni.

Il quartiere Triana di Siviglia è veramente meraviglioso ricco di colori, odori e viste mozzafiato.

Cordoba, la vecchia capitale dell’Impero Musulmano in Spagna, è una città dove è possibile ammirare a pieno l’influenza araba.

La Mezquita è l’attrazione più importante della cittadina andalusa, la moschea-cattedrale che influenze sia islamica sia cattolica.

I luoghi di Cordoba che si consiglia di visitare sono: La Medina Azahara, Alcazar de los Reyes Cristianos. Per la sera consigliamo di assistere ai numerosi spettacoli di Flamenco.

Le città dell’Andalusia sono meravigliose da visitare con moltissime influenze, da quelle islamiche a quelle cattoliche, città di marinai di commercio, di gitani e di spagnoli.

Le città andaluse sono ricche di storie, che hanno portato a farla diventare la madre patria del Flamenco e di cui ancora ai giorni d’oggi possiamo viverne, almeno in parte, le sue origini.

Leggi anche del Blues e del Jazz