Essaouira, il Marocco che balla

Essaouira è un paradiso che guarda l’oceano Atlantico, che dagli anni ’60 è il luogo di ritrovo di hippie e surfisti. Questa città è un gioiello dal fascino antico a circa 200km da Marrakech è uno dei posti più suggestivi del Marocco, numerosi festival, spiagge bellissime, clima mite 365 giorni su 365, tradizione e cultura.

A Essaouira la musica fa da protagonista, alcuni la chiamano la “Woodstock del Marocco”, ed è la casa della musica Gnawa, che è di discendenza degli schiavi sub-sahariani.

Viene chiamata così perché in passato moltissimi artisti famosi hanno trascorso tempo in questa città. Artisti come Jimi Hendrix, Cat Stevens, Leonard Cohen, Bob Marley, Frank Zappa e tanti altri.

Si dice che la celebre canzone di Jimi Hendrix “Castle made of sand” sia stata scritta a circa 3km da Essaouira, all’interno di un palazzo di un sultano, a Diabat.

Essaouira significa “la ben disegnata” infatti la città nasce dai progetti dell’architetto francese Théodore Cornut, che sotto la prigionia del sultano, disegnò la città sulla falsa riga di Saint Malo.

In pochi anni, grazie anche alla collocazione geografica, diventò uno dei più importanti porti commerciali dell’Africa, scalo per gli europei che navigavano sulla rotta del sale.

Questa fantastica città è la più “europeizzata” delle città del Marocco. Obbligatorio, quando arrivi, è lo scorcio panoramico che puoi godere dalla finestra a forma di occhio sulle mura che circondano la Medina, ovvero il centro storico.

Per i più scaramantici, si dice che guardare da quella finestra, sia di buon auspicio.

Ma è alla Skala du Port dove si può ottenere la migliore vista della città. Navi e battelli sul porto, le falegnamerie, gli scogli di colore nero e di fronte, nel mare, l’isola di Mogador.

Proseguendo invece fino alla Porta della Marina avrai la piena sensazione di essere all’interno di una città veramente cosmopolita, dove convivono ebrei, musulmani e cristiani.

All’interno della Medina potrai godere della kasbah, di cui restano le 4 torri. La Medina con la “M” maiuscola si riferisce al centro storico) la medina con la “m” minuscola è il quartiere musulmano, molto interessante da visitare. Il quartiere ebreo invece è la “Mellah” sempre all’interno della vecchia città imperiale.

Essaouira quindi è una città assolutamente da vedere se hai in programma un viaggio in Marocco. Le numerose attività culturali, il centro storico, le viste mozzafiato.

Tutto questo rende questa città “ben disegnata“ una perla, che con l’alta marea si è appoggiata sulle coste del Marocco e non si è mai mossa.

Se ti è piaciuto questo articolo puoi leggerne altri nel blog di Hit the Corner